Vorrei non avere le mani pulite.

Oggi, per me, è stata una di quelle pessime giornate in cui ti guardi allo specchio e ti chiedi «Ma perché esisto?» e sì, in caso non lo aveste capito, quelle giornate esistono anche per le persone che sono reputate forti da tutti.

Ho sempre fatto sport, ma, nonostante la danza moderna e ritmica, non ho mai potuto correre per più di quindici secondi neppure alle elementari perché dopo poco mi sentivo male, respiravo a fatica e mi girava la testa. In realtà non ho mai saputo il perché, credevamo tutti fosse semplicemente un problema di resistenza dovuto ai miei chili di troppo.

Crescendo, però, tutto è peggiorato: qualche anno fa, quando mio zio è morto, i giramenti di testa si sono tramutati in veri e propri svenimenti che si moltiplicavano, giorno dopo giorno.

Da più piccola guardavo sempre programmi come “I used to be fat” e sognavo di diventare un personal trainer vero e proprio, per aiutare le persone con problemi di peso come me; il problema è che, più passava il tempo, più realizzavo quanto sarebbe stato difficile diventare un’allenatrice anche in un giorno molto lontano.

Ho fatto il primo controllo quattro anni fa, a scuola avevo cali di pressione almeno tre volte a settimana e i miei genitori venivano sempre prima a riprendermi, il mio umore era molto altalenante… ma è stato quando mi sono ritrovata letteralmente a terra, confusa, mentre gridavo a mia madre «Mamma, non ti vedo! Vedo soltanto delle chiazze, non riesco a vedere neanche il frigorifero!» che ho capito che non si trattava di semplice depressione da lutto, ma di veri problemi fisici.

I risultati delle analisi non erano dei migliori, difatti mi erano state segnate sei pastiglie da prendere ogni giorno, tra cui medicinali ed integratori che avrei necessariamente dovuto prendere per cercare di alzare tutti i valori che erano decisamente sotto la norma come il ferro, l’emoglobina, i globuli rossi, la VES e la tiroide.

Per chi non lo sapesse, la tiroide è una ghiandola che produce due ormoni, T3 e T4, è molto importante per la crescita e per il consumo di energia dell’organismo ed è inoltre stata il principale problema per cui ho perso difficilmente peso, in quanto ho la tiroide di Hashimoto e sono, dunque, ipotiroidea. L’ipotiroidismo causa depressione, stitichezza, affaticamento, dolori muscolari molto frequenti e rallentamento di pensieri e memoria.

In molti convivono con la mia stessa problematica, però, quando il dottore mi ha detto che nel mio caso si trattava di un «focolare di tiroide che probabilmente tenderà a crescere col tempo e che non si può eliminare, ma può essere tenuto sotto controllo» mi è cascato il mondo addosso, perché ciò stava a significare che realizzare i miei sogni, dimagrire e fare dell’attività fisica il centro della mia vita sarebbe stato sempre più complicato.

Uscire dal mio perenne stato di depressione, dovuto un po’ al fattore familiare e un po’ ai problemi di salute, non è stato affatto facile e non vi nascondo che fino a qualche mese fa stentavo a domare quei periodi in cui volevo soltanto stare a letto e non fare niente dalla mattina alla sera per quanto mi sentivo stanca.

Qualche tempo fa ho dovuto affrontare il problema della memoria che tra tutti è quello che non mi ha mai abbandonato e che, anzi, si è incrementato sempre di più: ancora oggi dimentico moltissime cose e a sedici anni ero arrivata addirittura a dimenticare quante e quali pasticche dovessi prendere a lezione, al punto da decidere di fingere di stare bene davanti ai miei genitori e di non assumerne più.

Col passare dei mesi ho fatto altri controlli e sembrava che magicamente tutti i valori fossero tornati nella norma grazie agli alimenti che la mia nutrizionista mi aveva segnato, insegnandomi, una volta per tutte, a “mangiare bene”.

Oggi, però, penso di essere stata una stupida a non assumere farmaci ed integratori e che probabilmente ci sono cose che l’alimentazione non può accantonare definitivamente, perché non può essere sostituita ai vari medicinali.

Stamattina ho iniziato una lezione di fit boxe dopo due anni dall’ultima volta in cui ho infilato i guantoni, anche se due settimane fa ho avuto un grande calo di pressione (massima 84, minima 54) che credevo fosse semplicemente dovuto a una giornata più stancante del solito, perciò fino a ieri sera ero davvero convinta di essermi ripresa e di stare bene.  Dopo i primi venti minuti mi sono sentita male, mi ha girato moltissimo la testa e ho avuto paura di non riuscire ad arrivare neanche allo spogliatoio perché l’unica cosa che riuscivo a vedere erano i capillari dei miei occhi che apparivano come sottili macchie arancioni.

Non so perché io abbia voluto scrivere tutto questo per filo e per segno, ma volevo farvi sapere che mi sento male e che mi viene ancora da piangere.

Sto male e sono sicura che ci siano persone come me che non sono ancora pronte ad accettare la loro situazione fisica, a causa di cui non potranno realizzare i sogni di una vita e magari neanche dimagrire.

Ecco spiegatovi il motivo per cui in questo periodo non sto dimagrendo molto: sto cercando di andare spesso in palestra ma per poco tempo, per gestire questa situazione che ovviamente sta rallentando il funzionamento del mio metabolismo.

Mi sento come se questa non fossi io, come se avessi bisogno di un corpo nuovo in condizioni diverse, migliori.

Mi sento come se fossi bloccata in un luogo in cui non voglio più stare, non perché io non mi piaccia, ma perché vorrei fare di più e mi sento davvero impossibilitata.

Ricordo di aver scattato questa foto il primo giorno di fit boxe, due anni fa… mi sentivo potente perché finalmente ero riuscita a reggere un’intera lezione senza sentirmi da schifo, il che mi manca tanto.

Mi manca tanto avere i graffi sulle mani dopo ore passate a sfogarmi in palestra, mi mancano tanto i calli sulle dita dovuti agli attrezzi che non posso più usare come prima, mi manca tanto sentirmi come se fossi invincibile, come se non dovessi svenire da un momento all’altro.

Forse il problema è proprio che tendo sempre a sentirmi invincibile perché non voglio realizzare di essere fragile, ma l’invincibilità è una mancanza che non credo colmerò mai nella mia vita.

Spero di riprendermi presto, ma ora mi sento davvero triste, arrabbiata, nervosa e delusa.

A breve farò l’ennesimo emocromo e l’ecografia e magari vi farò sapere come andrà in un video, anche se ultimamente non mi sento al massimo neanche quando registro. Consiglio anche a voi di fare i giusti controlli e di non badare a chi vi dice che questi problemi sono stupidi e che siete esagerati, perché nessun problema va sottovalutato.

In questo momento vorrei non avere le mani pulite, vorrei riuscire a stare due ore e mezza in palestra senza stancarmi e portare a termine tutti i miei obiettivi.

Penso di aver fatto qualche errore ma non mi va di ricontrollare, il succo di questo articolo è che mi sono rotta il cazzo.

4 thoughts on “Vorrei non avere le mani pulite.

  1. Ciao polpetta, ho appena letto il tuo articolo e vorrei dirti che se non stai bene devi pensare più a te stessa,lo so che vuoi bene alle tue polpette ma devi riposarti; questo vuol dire che se non te la senti di fare video o altro sei libera di prenderti una pausa.
    Te la meriti Silvia,te lo dico con tutto il cuore❤️ricordati sempre che te se ama polpetta….
    GRAZIE DI ESISTERE

  2. Mi dispiace molto per quello che stai passando, sei una persona dolcissima e non te lo meriti. A me é capitato per colpa di un incidente di avere l’emoglobina bassissima per aver perso molto sangue e il non potersi alzare é terribile… Dirti di fermarti e pensare a te sarebbe banale, perché é tenersi occupati che allontana i brutti pensieri. Spero i tuoi valori tornino stabili così potrai continuare a “sporcarti le mani” ❤ Un bacione!

  3. Ti capisco benissimo, anche per me questo è un periodo di merda per altri motivi.. diciamo che è un anno che è un “periodo di merda” ma vabbe quindi ti posso capire benissimo e non sai quanto possa dispiacermi.
    Sappi che io ti voglio tanto bene, e ti seguo SEMPRE per non perdermi nulla, ti adoro. ❤

  4. Silvia mi dispiace tanto che tu ti senta così ma anche io ho avuto un periodo così per alcune bruttissime cose che mi erano successe ma adesso sto meglio spero che anche la tua situazione migliori ti voglio bene❤️️‍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *